Archivi per la categoria ‘MANIFESTAZIONI ed EVENTI’

Salviamo il paesaggio con il censimento degli stabili vuoti.

Paolo Pileri, docente del Politecnico di Milano:

“La mancanza di dati affidabili e aggiornati sugli usi del suolo impedisce alla politica di vedere la gravità del fenomeno e di correre ai ripari” … “per capirci, è come se si volesse contrastare l’inquinamento senza disporre di una rete di rilevamento della qualità dell’aria”.

Roberto Della Seta, senatore Pd e membro della Commissione Territorio e Ambiente

“Il campionamento non è omogeneo, ma i dati in nostro possesso bastano e avanzano per dimostrarlo. C’è una contraddizione evidente: siamo in recessione demografica, al di là del contributo degli immigrati e in grave crisi economica, eppure non si smette mai di costruire.
Poche righe per spiegare in modo molto convincente, come sia necessario che tutti i comuni si attrezzino e realizzino questo semplice ma utile strumento: il censimento degli stabili vuoti presenti sul proprio territorio, siano essi abitazioni sfitte, e fatiscenti, ma anche ditte, vecchie cascine ecc… Questa è la grande iniziativa messa in piedi dal Forum Nazionale di  Salviamo il Paesaggio!

Nel mio piccolo, ho sottoposto la questione al vaglio del consiglio comunale di Mesero. Ecco l’articolo nel dettaglio: Protocollata Mozione per ottenere un Censimento degli Stabili Vuoti! (direttamente da Meserotua.it)

Cuggiono, Festa del Solstizio d’Estate dal 22 Giugno

Come ogni anno, Oreste Magni con il suo TEAM dell’Ecoistituto della valle del Ticino, organizza questo mega evento chiamato appunto: ” Festa del Solstizio d’Estate!”

Solidarietà, Cultura, Musica ma soprattutto, dal punto di vista di Sosteniamoci.it, dibattiti sul temi oggi fondamentali come non mai: Energia e Sostenibilità Ambientale ed Economica.

Ecco nel dettaglio ciò che l’Ecoistituto si è inventato quest’anno: Spazio Dibattiti, ore 16.00 Domenica 22 Giugno, Villa Annoni, Cuggiono!

COENERGIA
progetti collettivi di economia solidale e TRENTA SpA presentano la convenzione per la fornitura di energia da fonti rinnovabili certificate e di origine italiana. Un accordo trasparente, etico, economicamente vantaggioso stipulato tra una associazione che riunisce soggetti di economia solidale (DES, GAS, Ecoistituto della Valle del Ticino) e la società TRENTA Spa a cui cittadini e aziende possono aderire.
www.co-energia.org

ENERGIA DAGLI AQUILONI
Un geniale sistema italiano nel campo delle rinnovabili. Ne parliamo con Paolo Musumeci amministratore delegato di WOW SpA azienda ad azionariato diffuso e accettatrice di SCEC www.windoperationsworldwide.eu/it/

DEBITO PUBBLICO , CRISI ECONOMICA
e DECRESCITA FELICE

La crisi che stiamo vivendo non è solo finanziaria, è anche economica, sociale,energetica, ambientale, culturale. Non se ne può uscire con le stesse proposte che ne sono state la causa. E’ necessario cambiare prospettiva. Ne parliamo con Maurizio Pallante Fondatore e presidente del Movimento per la Decrescita Felice.
www.decrescitafelice.it/

Volantino Integrale

..fermare il consumo di suolo nel nostro Paese, e il censimento dell’esistente..

Mercoledì 14 marzo alle ore 21 a Villa Corvini -via S.Maria 27 – Parabiago si terrà la presentazione della Campagna realizzata dal Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio, Salviamo il paesaggio difendiamo i territori.

Relatori d’eccezione saranno Alessandro Mortarino, uno dei fondatori del Movimento Stop al Consumo di territorio e ora anche Coordinatore Nazionale del Movimento e D. Di Simine Presidente di Legambiente della Lombardia.

Lunedì 27 febbraio in tutta Italia è partita, in ognuno degli oltre 8mila Comuni del Paese, una richiesta di censimento del patrimonio edilizio esistente.Prima iniziativa del Forum,  nato a Cassinetta di Lugagnano il 29 ottobre 2011, che oggi conta quasi 600 organizzazioni e oltre 10.000 adesioni personali.

Il Forum  è nato con l’obiettivo di fermare il consumo di suolo nel nostro Paese, e il censimento dell’esistente è il primo passo per proporre un nuovo metodo di pianificazione -da adottare in tempi brevi- per scongiurare piani urbanistici lontani dai bisogni effettivi delle comunità locali, che prevedano sviluppi edilizi inutili ed eccessivi, data l’ampia disponibilità di edifici già esistenti.

Si tratta della prima inchiesta capillare mai realizzata in Italia per quantificare il numero delle abitazioni e degli immobili ad uso commerciale e terziario non utilizzati, vuoti e sfitti.

Tutti i Sindaci italiani hanno ricevuto  una scheda di censimento  elaborata da amministratori, architetti, urbanisti e professionisti del settore.

Gli enti locali sono chiamati a compilarla entro 6 mesi, restituendo così al Forum la mappa degli edifici sfitti su tutto il territorio nazionale.

L’obiettivo: ripensare l’urbanistica, approvando piani a “CRESCITA ZERO”.

Nelle ultime settimane sono nati oltre 70 comitati locali di “Salviamo il Paesaggio”, tra questi il nostro Comitato Olona Bozzente Lura che comprende diverse Associazioni riferite ai Comuni di Parabiago, Nerviano, Busto Garolfo, Canegrate,San Vittore Olona, Marnate, Rescaldina, Cerro Maggiore, Saronno, Lomazzo, Gerenzano e Ossona

.I Comitati attraverso la loro azione e la raccolta di firme nei propri territori, sul modello dei Movimenti per l’acqua , faranno pressione sulle amministrazioni locali per rendere possibile la compilazione dei censimenti comunali e per sensibilizzare i cittadini italiani sul consumo del territorio.

Nel frattempo il Forum nazionale è già al lavoro da diversi mesi per presentare una proposta di legge d’iniziativa popolare per assicurarsi che il metodo di pianificazione individuato diventi il criterio da adottare, in tutta Italia.

SALVIAMO IL PAESAGGIO - Comitato Olona Bozzente Lura – comitatoolonabozzentelura@gmail.com

COMITATO MAGENTINO “SALVIAMO IL PAESAGGIO” STOP AL CONSUMO DI SUOLO

Venerdi 24/02/2012 – ore 21,00

a Magenta, presso la Casa Giacobbe

(Via IV Giugno – ang. Giardini pubblici)

-.-.-.-.-

Si terrà un convegno sullo stato di salute del territorio magentino, un tempo, territorio Agro-Industriale, E ADESSO?

-         Il settore industriale è dimesso o in dismissione;.

-         Il settore agricolo ha sofferto e soffre tuttora.

“La terra non ne può più del nostro modo di sconciarla!

siamo dissennati, scriteriati: distruggere la natura è tagliare il ramo su cui siamo seduti… Abbiamo bisogno dell’odore della terra, del colore delle albicocche, del rumore del mare, della coda dello scoiattolo, migliora la vita e libera dallo stress.

Da quando la terra è diventata pattumiera, l’uomo è diventato meno umano….

La Terra non è mai brutta (al più è buia).

Ricordiamo che l’uomo curvo sul computer non è un uomo ma un fungo!”.

Durante la serata si svolgeranno brevi relazioni su:

a) quanto suolo è stato consumato:

b) quanti sono gli appartamenti vuoti:

c) quante sono le aziende agricole nel territorio;

d) km zero – sano ed economico

e) l’impronta ecologica:

Dibattito pubblico con invito a tutti ad un contributo di idee:

In apertura di serata assaggio di risotto “SONCERA”,  Salame “CONTA”, Vino “CAREMMA”.

Vi aspettiamo numerosi.

Il Comitato Magentino

Piero – tel. 02.9790929

Ciclostilato in proprio il 15/02/2012

Direttamente da Meserotua.it: il mio intervento su cemento e mala-gestione del territorio

Ecco il mio intervento: è un tentativo di informare e, allo stesso tempo, stimolare la riflessione sul sistema malato del cemento=parco naturale e viceversa. Con un area verde protetta infatti, ci si lava la coscienza per poi dare inizio all’inesorabile cementificazione del territorio circostante il parco stesso. A Mesero poi, insistendo su una superficie territoriale piccolissima, è previsto un insediamento prevalentemente industriale grande quanto 5 VOLTE il centro commerciale “il Destriero” di Vittuone!! Non dimentichiamo che la qualità dell’ambiente dove si vive, influenza inesorabilmente la qualità della vita di chi ci abita!

Ecco il resto dell’articolo tratto direttamente da Meserotua.it

- Intervento in video di Domenico Finiguerra: Sindaco di Cassinetta di Lugagnano e promotore di ” Stop al Consumo di Suolo”: Video - Alcune foto dell’evento "Cemento sui Denti… dei Meseresi, avvenuto il 28 Gennaio 2012 a Mesero per contrastare la devastazione del paesaggio
 
- Intervento di Damiano Di Simine
, Presidente Legambiente Lombardia: Video

E’ affascinante cercare di rispondere ai numeri di cemento che rischiano di contaminare il futuro di Mesero, con i numeri della partecipazione e del volontariato:

  • 110 Ospiti a Cena
  • 160 Firme raccolte conto il progetto cementifero
  • il 12 Febbraio sapremo quanti questionari abbiamo collezionato, ma le scatole di raccolta incominciano ad essere piene e pesanti
  • 30 ragazzi dello staff, che ringraziamo con il cuore
  • 250 presenze in tutta la giornata

E’ stato riconfermato come il cittadino gradisce essere coinvolto e consultato quando le scelte in gioco sono grandi e importanti, tali da poter cambiare per sempre il contesto dell’ambiente in cui si vive. Il 28 Gennaio 2012 un forte “NO!” si è alzato difronte alla minaccia di centinaia di migliaia di Metri Quadri di cemento qui a Mesero! L’appello a partecipare, ad esprimere la propria opinione ed a controllare l’operato degli amministratori è più forte che mai.

Grazie per esserci stati.

 

Cemento sui Denti: grandi iniziative a Mesero contro la speculazione ed il consumo di suolo

Sabato 28 Gennaio 2012, Centro di Via Piave, Mesero

  • Questionario con punti di raccolta negli esercizi commerciali
  • Mostra fotografica dedicata agli eco-mostri della nostra zona
  • Dibattito in cui interverranno: Damiano di Simine ( Legambiente), Domenico Finiguerra del Movimento Stop al Consumo di Suolo, Roberto Oldani del Fondo Ambiente Italiano, Fabio Prina consigliere indipendente a Mesero.
  • Cena Bio su prenotazione (Menu e contatti)
  • Spettacolo Teatrale ” Lo stato d’assedio” dedicato a NO EXPO
  • Musica in chiusura con “The unplagged and undragged”

Ecco come il sito di riferimento, www.meserotua.it, descrive l’evento…

350.000 mq di capannoni e cemento, equivalenti a 50 campi da calcio, stanno per piombare sul piccolo Comune di Mesero. Casa nostra. Un progetto venduto come l’affare che permetterà all’amministrazione di trovare i soldi per costruire la nuova scuola elementare. Un progetto nato con numeri rotondi, certi nella quantità, ma discutibili nel metodo. Non esiste infatti un progetto preliminare della scuola (approfondisci), non si sa neanche dove andrà fatta, se verrà  ampliata,  se manca solo una palestra o come crescerà la popolazione meserese, ecc… L’unica cosa certa è l’immane quantità di suolo che andrà perso per sempre, in un momento di crisi economica dove il suolo torna ad avere un’importanza centrale.

Per questo, ma non solo, un gruppo di cittadini si è mobilitato per portare all’attenzione dei Meseresi,  questo mega progetto dalle fondamenta d’argilla.. Cittadini Meseresi che sono stati lasciati in pasto alle voci di paese, alle supposizioni, alle dicerie, alle strumentalizzazione di una parte o dell’altra, in balia insomma, di una malsana informazione.

Cemento sui denti è anche questionario. Gli organizzatori  vedono infatti nella partecipazione popolare, civica e volontaristica, l’unica strada da percorrere per uscire da questo momento buio della politica, dell’economia e dell’uomo stesso: leggi la dichiarazione sul volantino.

www.meserotua.it